Chi Sono

Partner

Prodotti

Clienti In Rete

Contattami
Risorse Tecniche
News & Fiere
D.o.p. & I.g.p.
Footer Home
Logo Agente Marr
Pagina 1/Pagina 2
Olio Aprutino Pescarese D.o.p.
Pagina 1/Pagina 2


DESCRIZIONE
L’olio extravergine di oliva Aprutino Pescarese è stato riconosciuto come D.O.P. tramite Regolamento CE n° 1263 del 1996 (GUCE L163/96 del 2 luglio 1996). Viene prodotto nell’area vestina della provincia di Pescara e comprende ben 34 comuni, utilizzando olive Dritta, Leccino e Taccolana (da sole o insieme) in percentuali minime dell’80% e da altre varietà di olive in percentuali massime del 20%.
L’olio si presenta di un colore che va dal verde al giallo, un buon odore fruttato e gusto rotondo abbastanza intenso. Và conservato in contenitori chiusi, protetti dalla luce, da fonti di calore, e dagli odori, in ambienti feschi e asciutti a temperature tra 14° e 20°C.
La conservazione fatta in questo modo può consentire all’olio di mantenere inalterate le sue caratteristiche per oltre 3 anni.







ZONA DI PRODUZIONE
Il territorio in cui si produce l’olio del Consorzio appartiene all’area vestina della provincia di Pescara, nel cuore d’Abruzzo.
L’area deriva il suo nome da un’antica etnia italica che popolava la regione attorno al V secolo a.C. ed è caratterizzata da un’ampia localizzazione montana e collinare compresa tra il Sirente e l’Adriatico. La provincia di Pescara è caratterizzata da un clima particolarmente favorevole alla produzione di un olio di altissima qualità. Un territorio mutevole ed un clima particolarmente temperato, caratterizzato da un perfetto equilibrio tra esposizione ai venti e umidità, si accompagnano ad un terreno che esalta il pregio dell’olio. Il gusto fruttato è una delle caratteristiche che contraddistinguono la produzione di olio nell’area vestina.


 

METODO DI PRODUZIONE
L'olio extravergine di oliva Aprutino Pescarese è prodotto da olive sane, raccolte direttamente dall'albero nel periodo compreso tra il 20 ottobre e il 10 dicembre di ogni anno.
Per l'estrazione dell'olio sono ammessi soltanto processi meccanici e fisici atti a produrre oli che presentino il più fedelmente possibile le caratteristiche peculiari e originarie del frutto.
Il processo previsto dal disciplinare prevede la fase di raccolta e trasferimento del prodotto alle strutture di lavorazione; la lavorazione, il controllo delle caratteristiche qualitative del prodotto e il confezionamento.